Condimento all'Aceto Balsamico di Modena I.G.P. etichetta DiRicordano · Condimento all'Aceto Balsamico di Modena I.G.P. etichetta DiScandiano · Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. etichetta Il Poeta · Aceto Balsamico di Modena I.G.P. etichetta Sole e Tempo

 Tel. +39 0536.824901 / Fax +39 0536.822178

” Degustando TUTTOFOOD 2019 “

Si è recentemente conclusa la settima edizione di Tuttofood,(una fiera che sembrava nata per coprire l’annualità lasciata libera dal biennale Cibus, o forse per far dispetto ai cugini Parmigiani, che erano stati scelti dalla Federalimentare), che di volta in volta sta crescendo, particolarmente in proiezione export, dopo il grande exploit in occasione di Expo 2015.

L’edizione di quest’anno, particolarmente ricca ed organizzata in sottosaloni (Tuttowine, Tuttomeat, Tuttosweet ecc.), ha presentato molte ed interessanti novità.

Tra di esse, la più inaspettata è stato l’incontro con un personaggio che definire vulcanico è riduttivo: Ricordano Dodi, questa volta a capo di un’Azienda che porta il suo nome: D Ricordano.

Tra i prodotti presentati: l’ottimo Aceto Balsamico tradizionale Dop (di Modena e di Reggio, per non scontentar nessuno) affiancato dall’altrettanto piacevole Aceto Balsamico IGP e da una marea di condimenti vari al Balsamico.

Ma il prodotto più interessane ed assolutamente nuovo è stato un “Condimento de Vinagre de Jerez”. Ricordano infatti, recatosi in Spagna come Ambasciatore del Balsamico, è rimasto colpito dai profumi dei mosti della zona, che è famosa, oltre che per lo Sherry, anche per l’Aceto di Jerez, ottenuto dalle stesse uve, con il metodo Solera, cioè con successivi travasi dalla botte più capiente (e con contenuti più giovani) alla più piccola (con aceti sempre più invecchiati), in maniera assai simile a quella dell’Aceto Balsamico nostrano.

                      Batteria di Aceto Balsamico Tradizionale

Naturalmente il buon Dodi non poteva non sentirsi sfidato a creare un aceto anche con quei vini ed è nato il primo aceto italo-spagnolo!

Si tratta di un prodotto ottenuto da un 60% di Aceto di Jerez ed un 40% di mosto d’uva cotto, applicando il metodo Solera e partendo dalla barrique da LT 220 per arrivare alla botte da LT 75, realizzato in modo artigianale, senza l’uso di mezzi meccanici per non perdere i profumi e le preziose caratteristiche organolettiche che lo contraddistinguono dagli altri condimenti.

Ne è nata una produzione, per ora di nicchia, ma che, data la qualità, non mancherà di avere il successo che merita.

Autore: Gianluigi Pagano

L’articolo completo può essere consultato al seguente link:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiusura estiva
Previous post
L’Italia e la Spagna fuse in un unico prodotto.
Next post